giovedì 16 agosto 2012

.




11 luglio 1942, sabato, le undici. Si dovrebbe parlare delle questioni più gravi e importanti
di questa vita solo quando le parole ci vengono semplici e naturali come l'acqua che sgorga da una sorgente.





12 - 10 - 42. Le mie impressioni sono sparse come stelle sfavillanti
sullo scuro velluto della mia memoria.






Quella baracca talvolta al chiaro di luna, fatta d'argento e d'eternità: come un giocattolino sfuggito
alla mano distratta di Dio.







                 


                                                                   ETTY HILLESUM

                                                                         Diario
                                                                     1941-1943





.














2 commenti:

  1. ho approfondito, credo acquisterò il Diario
    grazie

    RispondiElimina
  2. un sentito grazie anche da me

    m.

    RispondiElimina