venerdì 3 agosto 2012

.



Essere sempre nelle parole, che lo si voglia o no,
Essere sempre in vita, piena di parole sulla vita,
come se le parole fossero in vita, come se la vita fosse nella
parola.

E' tanto diverso, credetemi.
Tra una parola e una cosa
ti ci infili da sola,
rimani stesa tra loro come accanto a un malato
poiché nessuna si stringe all'altra
assapori un suono e un corpo,
e gusti entrambi.

Ha un sapore di morte.

Eppure morta e viva, se ci sono,
chissà,
poiché tanto di morto di lontano, c'è in me
me tanto di morto,
me i morti
mi hanno già presa.

un'amica che mi conosceva un tempo,
un vaso da cui ho bevuto alla tua salute








                                                            Ingeborg Bachmann
                                                            da " Non conosco mondo migliore "




















.

3 commenti:

  1. è una lettura che non riesco a portare avanti, tanto lo spessore e tanto mi investe

    RispondiElimina