martedì 6 dicembre 2011

.






acceso un altro tempo -
breve strada dalla bocca 
all'aria -
c'è una fabbrica
c'è un incrocio
dove t'incontro -
c'è un'ora 
che insieme ad altre due 
fanno la treccia alla notte -
si è spento quel tempo -
una strada più lunga
la mano sulla bocca
ma nemmeno ti accorgi se la fai tutta -
c'è la casa nel fianco
e il sinistro compagno. 












.

















6 commenti:

  1. Ti leggo che non è ancora l'alba. Il momento giusto per vederla quella strada diversa, più lunga, più sinistra. Spero, un giorno, di leggerti accanto. Ti bracio di braci. Dora.

    RispondiElimina
  2. ci sono strade che lasciano segni nel corpo... inspiegabilmente. ne ho alcune addosso.
    un giorno sbocceranno, chissà...

    RispondiElimina
  3. lucciole per il giorno

    RispondiElimina
  4. c'è la vita che ci accompagna e così anche gli altri---

    S

    RispondiElimina
  5. "c'è un'ora
    che insieme ad altre due
    fanno la treccia alla notte"
    basta questo perchè io m'innamori della tua poesia, nelle strade notturne dalle ombre che si allungano e accorciano al passaggio dei lampioni.
    molto bella, complimenti

    RispondiElimina